Mini.BondDal 7 novembre 2014 le piccole e medie imprese potranno presentare al Gestore del Fondo di garanzia per le PMI (Banca del Mezzogiorno – MedioCredito Centrale S.p.A.) le richieste di garanzia relative ai “mini bond”, le operazioni di sottoscrizione di obbligazioni o titoli simili.  Sono state pubblicate, infatti, il 23 ottobre 2014 le “Disposizioni operative” aggiornate del Fondo, che entrano in vigore il quindicesimo giorno successivo alla loro pubblicazione.

Il Fondo di Garanzia per le PMI è uno strumento istituito con Legge n. 662/96 e operativo dal 2000, con l'obiettivo di favorire l’accesso alle fonti finanziarie da parte delle piccole e medie imprese. Da ultimo, il decreto interministeriale 5 giugno 2014 (G.U. n.172 del 26 luglio 2014) ha definito i requisiti e le caratteristiche delle operazioni ammissibili, le modalità di concessione della garanzia, i criteri di selezione, nonché l’ammontare massimo delle disponibilità finanziarie del Fondo.

Lo strumento consiste nella concessione di una garanzia pubblica che si affianca e spesso si sostituisce alle garanzie reali  portate dalle imprese. Rivolgendosi al Fondo l’impresa non ha un contributo in denaro, ma ha la concreta possibilità di ottenere finanziamenti senza garanzie aggiuntive (e quindi senza costi di fidejussioni o polizze assicurative) sugli importi garantiti dal Fondo. Richiedi informazioni

Logo Italia Contributi

Richiedi un Appuntamento a Milano

Richiedi un appuntamento in altre città

Richiedi informazioni

Richiedi una Pre-Fattibilità

 

I soggetti beneficiari finali, ai quali viene concessa la garanzia pubblica, sono le piccole e medie imprese, comprese le imprese artigiane, presenti sul territorio nazionale, economicamente sane e appartenenti a qualsiasi settore, ad esclusione dei settori ritenuti sensibili dall’Unione Europea.

Sono, inoltre, soggetti beneficiari finali i consorzi e le società consortili, costituiti tra piccole e medie imprese e le società consortili miste  (L. 317/91).

I SOGGETTI BENEFICIARI DEL FONDO DI GARANZIA

 

 

 

I soggetti beneficiari finali, ai quali viene concessa la garanzia pubblica, sono

  • le piccole e medie imprese (così come definite dalla normativa europea),
  • comprese le imprese artigiane,
  • presenti sul territorio nazionale,
  • economicamente sane
  • e appartenenti a qualsiasi settore,
  • ad esclusione dei settori ritenuti sensibili dall’Unione Europea.

 

Sono, inoltre, soggetti beneficiari finali

  • i consorzi e le società consortili, costituiti tra piccole e medie imprese di cui gli articoli 17, 18, 19 e 23 della legge 5.01.91 n. 317,
  • e le società consortili miste di cui all’articolo 27 della medesima legge.

 

CRITERI DI VALUTAZIONE

I criteri di valutazione delle PMI per l’ammissione alla garanzia del Fondo sono stati modificati con  Decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, del 27 dicembre 2013, attuativo del cosiddetto “Decreto del Fare (Decreto-legge 21 giugno 2013).

I nuovi criteri sono stati aggiornati in funzione del ciclo economico e dell’andamento del mercato finanziario e creditizio, per garantire una maggiore apertura dell’intervento del Fondo nei confronti delle PMI.

Ad accedere alla garanzia del Fondo sono soprattutto microimprese (56.8%), cui seguono le piccole imprese (32,3%) e le imprese di medie dimensioni (10,9%).

Le imprese artigiane rappresentano una buona parte dell’operatività del Fondo: hanno presentato più di 16.000 operazioni nel 2013, pari al 20,3% del totale.

 

ARTICOLI COLLEGATI

Mini Bond: un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

Mini Bond emessi da PMI: pubblicato il decreto attuativo

MAGGIORI INFORMAZIONI

RICHIEDI


VUOI UN APPUNTAMENTO PER UNA CONSULENZA PROFESSIONALE?

chiedi appuntamento 2 Giallo

Maggiori informazioni

RICHIEDI INFORMAZIONI

 

PRESTITO SCORTE E CAPITALE CIRCOLANTE

PRESTITO SCORTE E CIRCOLANTE 250X250

PROMOZIONE EXPORT

MOLISE PROMOZIONE EXPORT POR MOLISE AZIONE 3.3.1

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITà

PULSANTE FINANZIAMENTO LIQUIDITA

RESTO AL SUD

RESTO AL SUD INVITALIA

PROMOZIONE EXPORT

MOLISE PROMOZIONE EXPORT POR MOLISE AZIONE 3.3.1

Molise, prestito capitale circolante.

MOLISE FINANZIAMENTO PER CAPITALE CIRCOLANTE 2

DECRETO MEZZOGIORNO

DECRETO MEZZOGIORNO

CREAZIONE DI IMPRESE

MOLISE POR AZIONE 641 CREAZIONE DI IMPRESE NELLINTERO TERRITORIO REGIONALE

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

iNVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZERO.2017.250

AZIENDE VITTIME DI MANCATI PAGAMENTI

finanziameti.alle.pmi.vittime.di.mancati.pagamenti

RESTO AL SUD

RESTO AL SUD

SELFIEMPLOYEMENT: PRESTITI A TASSO ZERO PER I GIOVANI

SELFIEMPLOIEMENT aprile 2017

INTERREG IPA CBC ITALIA-ALBANIA-MONTENEGRO, pubblicata la prima call for project proposals. Apertura

INTERREG ITALIA ALBANIA MONTENEGRO

SUPER AMMORTAMENTO 140%

super.ammortamento.140 2016

Iper e super ammortamento

SUPER AMMORTAMENTO E IPER AMMORTAMENTO

SME Instrument di Horizon 2020

HORIZON 2020 SME INSTRUMENTS

MOLISE: "Mi Fido di Te"

MOLISE.MI.FIDO.DI.TE

NUOVA SABATINI: ACQUISTO ATTREZZATURE E BENI STRUMENTALI

NUOVA SABATINI 2017 2018

Start Up innovative

MOLISE START UP INNOVATIVE

Fondo Unico per lo Sviluppo del Molise

mILISE.FONDO.DI.GARANZIA.STARTUP.PROFESSIONISTI

 

LIFE (2014-2020) Programma per l’ambiente e l’azione per il clima

AMBIENTE.PROGRAMMA.LIFE

NUOVA SABATINI TER

Internazionalizzazione: Programmi di inserimento sui mercati esteri

CONCORSI E PREMI

concorsi.e.premi.italia

INVITALIA SELFIEMPLOYMENT

INVITALIA.SELFIEMPLOYEMENT

FONDI EUROPEI

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE
fino a 12.500.000 euro

FONDI BEI

FONDI.BEI

PER LE IMPRESE ITALIANE

CHIEDI INFORMAZIONI

 

ISMEA NUOVO INSEDIAMENTO GIOVANI IN AGRICOLTURA

NUOVO INSEDIAMENTO GIOVANI

START UP NUOVE IMPRESE

finanziamenti a tasso zero

fino a 1.500.000

ISMEA.NUOVO.INSEDIAMENTO.GIOVANI.AGRICOLTURA.250

Chiedi informazioni

 

MOSTRA AGEVOLAZIONI VIGENTI NAZIONALI

CERCA

Ismea: Subentro e Ampliamento in Agricoltura

Iscriviti alla Newsletter gratuita

VISITA ITALIA CONTRIBUTI

VI INTERESSANO I CONTRIBUTI PER ALTRE REGIONI?

logobisbordino.250

CLICCA E VEDI LE ALTRE REGIONI